Dalmazia - Dubrovnik

Dalmazia - Dubrovnik

La popolarità e l’attrattività mondiale della Croazia come destinazione turistica è dovuta in gran parte anche grazie a Dubrovnik.

Sede della Regione di Dubrovnik e della Neretva e centro turistico della Dalmazia meridionale, Dubrovnik ha costruito la propria immagine turistica su preziose attrazioni storico-culturali che fanno parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. A queste si aggiungono le bellezze e ricchezze naturali di tutto il territorio che si estende dal fiume Neretva a nord fino al confine con il Montenegro all’estremo sud.

 

In questo ambiente di esperienze sensoriali irripetibili si sente a ogni passo lo spirito della famosa Repubblica di Dubrovnik (Repubblica di Ragusa), i cui abitanti furono esperti di diplomazia, commercio e navigazione. È proprio grazie agli antichi navigatori di Dubrovnik che oggi in questa parte della Croazia si possono trovare piante di origine tropicale e subtropicale, facenti parte della rigogliosa vegetazione di questa zona, che arricchiscono l’ambiente dei singoli campeggi della Dalmazia meridionale. Queste piante crescono rigogliose grazie al clima eccezionalmente mite. La migliore conferma di ciò è l’Arboreto di Trsteno che si trova a circa 15 chilometri da Dubrovnik. È l’unico arboreto sulla costa adriatica croata e rappresenta un’unione esclusiva tra il patrimonio culturale e quello naturale, divenuto famoso grazie ai parchi storici e alle collezioni di specie vegetali mediterranee e tropicali. Fu fondato nel 1948 negli spazi della storica residenza che la nobile famiglia di Dubrovnik, i Gučetić-Gozze, costruì nel 15o secolo, e oggi è protetto come monumento di architettura da giardino. L’arboreto si estende su 25 ettari e comprende un parco storico rinascimentale con una residenza estiva, un parco in stile neoromantico risalente al periodo compreso tra la fine del 19° e l’inizio del 20° secolo, un oliveto storico, un bosco di querce, pini di Aleppo e cipressi, una zona di macchia e rocce costiere. La riconoscibilità e il fascino speciale della Dalmazia meridionale devono molto anche alle numerose piantagioni di limoni, arance, agave e palme di innumerevoli specie.

 

Qui si trova pure il Parco nazionale di Mljet (Meleda), sull’omonima isola, che, assieme a Korčula (Curzola), Lastovo (Lagosta) e le isole Elafiti, è tra le isole più importanti di questa zona dell’Adriatico. La Dalmazia meridionale va particolarmente fiera anche di Pelješac (Sabbioncello), che, accanto all’Istria, è la più grande penisola in Croazia.

 

Di importanza e interesse notevole risulta pure la gastronomia dell’estremo sud croato. Con l’arancia nostrana, la quale cresce nei giardini di Dubrovnik senza l’uso di sostanze chimiche nocive, vengono preparate le tradizionali prelibatezze chiamate “arancini”, le scorze d’arancia zuccherate che si possono portare a casa anche come souvenir.

Maja Danica Pečanić
Un’altra prelibatezza tradizionale è la “rozata”, che addolciva pure i palati medievali. Si tratta di una crema fatta di uova, farina e latte, la quale viene servita fredda ricoperta di caramello. Il suo nome deriva dal liquore di rose, detto “rozulin”, usato per aromatizzare questo dessert squisito, ma che in tempi recenti viene sostituito dal rum.

Campeggi

Dalmazia - Dubrovnik

Quando le parole non bastano.

‘Chi cerca il paradiso terrestre deve venire a Dubrovnik’

Dalmazia - Dubrovnik

Il paradiso terrestre

Le mura solitamente servono a proteggere un tesoro dai malintenzionati. Ciò vale anche e soprattutto per Dubrovnik (l’antica Ragusa), dove una cinta muraria lunga 1940 metri racchiude in sé una delle città più belle del mondo. Prendendo in prestito le parole di George Bernard Shaw, diremo che: “Se volete vedere il paradiso terrestre, dovete venire a Dubrovnik.”