Il Quarnero – un party per i diportisti

Il Quarnero – un party per i diportisti

Abbazia, luogo dal clima mite a da una tradizione centenaria nel turismo, rappresenta il punto di partenza ideale per l'esplorazione delle isole del Quarnero perché, oltre a trovarsi nel cuore del golfo quarnerino, è collegata bene con tutti i grandi centri europei. Lo specifico microclima di questo luogo, caratterizzato dalla bonaccia e da un gran numero di ore di insolazione costringerà i diportisti a rimanere ormeggiati più a lungo in questa bellissima cittadina turistica.


Il mare del Quarnero è noto soprattutto per le isole di Veglia (Krk), Cherso (Cres) e Pago (Pag), per cui potete salpare verso le coste orientali di queste isole quando le condizioni meteorologiche sono favorevoli, facendo conoscenza con il potere surreale della natura, visibile sulle loro coste settentrionali solcate da colpi di bora. Dopo avere lasciato dietro la poppa l’imponente ponte di Veglia, i diportisti possono trovare rifugio, oltre che nella pittoresca Vrbnik, nella profonda baia di Soline. È nota per le saline che vi esistevano in passato, il fango termale e l’ormeggio sicuro di Klimno nel quale i buongustai possono trovare un gustoso angolo gastronomico.

Ivo Biočina

Lasciando dietro la poppa le spoglie coste di Veglia e le note porte di Senj, salpate verso la parte frastagliata dell’isola di Arbe (Rab), caratterizzata da un paesaggio completamente diverso con invitanti baie verdeggianti. Tre insenature profonde denominate Drage sono un paradiso per i bambini e per gli amanti della sabbia. Gli isolotti e le lagune turchine sono soltanto una piccola parte delle tante bellezze di questa parte di Arbe, mentre per gli amanti di un ormeggio solido e di notti spensierate trascorse in questa parte dell’isola c’è l’ACI marina Supetarska draga.

Matt Eachus / Hideout Festival

Gli appassionati di feste notturne indimenticabili devono visitare senz'altro la vicina isola di Pago e la famosa destinazione per i party Zrće. Infatti, da Novalja, dove si pianifica l'ampiamento dei servizi nautici, fino a Zrće si arriva in poco tempo, mentre per gli amanti di angoli tranquilli c'è l'ACI marina Šimuni a otto miglia di distanza.

Durante il vostro viaggio sul mare dovreste trascorrere almeno una notte circondati da una natura intatta, ascoltando le sue vibrazioni, mentre per attimi come questo sono perfette le baie disabitate di Punta Križa sull'isola di Cherso.


Un'atmosfera simile caratterizza le baie ghiaiose sovrastate da pini della costa occidentale dell'isola di Arbe che si trova dirimpetto, mentre vi consigliamo di pernottare nella pittoresca città di Arbe, possibilmente la perla più bella di questo bacino marittimo. Le imponenti mura di cinta donano a questa città medievale una nota particolare di bellezza e i quattro campanili il cui suono armonioso rimane per sempre nei ricordi...


Per l'ultima notte vi consigliamo di visitare la Puntarska draga sull'isola di Veglia, una bellissima baia dell'isolotto di Košljun e uno dei più grandi marina dell'Adriatico. Trascorrete le ultime ore di relax nella baia di Torkul, una delle più belle dell'isola di Veglia, dopodiché salpate nuovamente verso Abbazia. 

Zoran Jelača

La proposta per un viaggio di sette giorni:

  • GIORNO 1: Abbazia – baia di Havišće (canale di Vinodol) – baia di Soline (isola di Veglia)
  • GIORNO 2: baia di Soline (isola di Veglia) – baia di Mala Luka (isola di Veglia) – baia di Gonar (isola di Arbe)
  • GIORNO 3: baia di Gonar (isola di Arbe) – laguna Veli & Mali Dolfin – Novalja (isola di Pago)
  • GIORNO 4: Novalja (isola di Pago) - laguna Male & Vele Orjule – baia di Kolorat (isola di Cherso)
  • GIORNO 5: baia di Kolorat (isola di Cherso) – baia di Kristofor (isola di Arbe) – Arbe (isola di Arbe)
  • GIORNO 6: Arbe (isola di Arbe) – baia di sv Mara (isola di Arbe) – Punat (isola di Veglia)
  • GIORNO 7: Punat (isola di Veglia) – baia di Torkul (isola di Veglia) - Abbazia